L’oliva e, quindi, l’olio rappresentano una minima parte della biomassa prodotta nell’ambito della filiera olivicola-olearia. Nella filiera olivicolo-olearia possono essere individuate due grandi tipologie di sottoprodotti: i residui di campo (legna, frasca, foglie) e i residui di estrazione olearia sansa vergine e acque di vegetazione.

I processi tradizionali di estrazione dell'olio d'oliva richiedono notevoli quantità di acqua, variabili tra i 40 ed i 150 litri per ogni quintale di olive macinate. Questo comporta la produzione di rilevanti volumi di reflui da trattare, stimate, in Europa, sulla base delle produzioni olearie valutate dal COI, in 10 milioni di tonnellate/anno in circa 12.000 frantoi.

I reflui oleari rappresentano un problema per  il potenziale inquinante della matrice organica che costituisce il refluo e gli aspetti gestionali collegati agli impianti di trasformazione (Frantoi). In merito all’origine inquinante dei reflui oleari ed in particolare delle acque di vegetazione, queste sono dovute agli alti valori di COD (50-200 g/l) e BOD5 (28,7-90,2 g/l) presenti nel refluo che ne determinano una elevata fitotossicità. Per quanto riguarda gli aspetti gestionali, le sanse vergini e le acque di vegetazione vengono attualmente sparse direttamente in campo o trasportate (sanse vergini) in sansificio. Lo stoccaggio ed il successivo spargimento in campo delle sanse vergini comporta, tuttavia, notevoli inconvenienti organizzativi per i frantoi, i quali si trovano a gestire, in tempi ridotti, reflui con un elevato contenuto di umidità e, pertanto, facilmente suscettibili, durante il pur breve stoccaggio, di fermentazioni anaerobiche maleodoranti.

L’obiettivo progettuale che ci siamo posti, e che ci differenzia dalle altre soluzioni impiantistiche esistenti, è la possibilità di recuperare a fini agronomici e all’interno dello stesso processo entrambe gli scarti di lavorazione dei frantoi (AV e SV) riducendo i problemi gestionali e eliminando totalmente il potenziale rischio di inquinamento da parte dei frantoi.

Le soluzioni sviluppate nell’ambito del progetto TIRSAV (LIFE00 ENV/IT/223) e TIRSAV Plus consistono nel trattare i reflui oleari (SV + AV) attraverso un processo di biostabilizzazione in situ (TIRSAV) o un processo di compostaggio delle suddette matrici in un impianto centralizzato (TIRSAV Plus). La strategia gestionale adottata nel TIRSAV Plus consiste, quindi, nel processare i reflui provenienti da più frantoi, di piccola dimensione, di uno stesso comprensorio olivicolo, all’interno di un impianto di compostaggio centralizzato. 

La metodologia di processo sviluppata nell’ambito del progetto si compone di più fasi, quali: raccolta presso i frantoi e stoccaggio dei reflui oleari; miscelazione primaria; denocciolamento; miscelazione secondaria; biostabilizzazione accelerata; maturazione ad aereazione forzata in cumulo statico; maturazione ad aereazione naturale in cumulo statico; raffinazione; insaccamento. I prodotti finali che scaturiscono dalla lavorazione possono essere, a secondo degli additivi che si aggiungono durante la miscelazione secondaria, classificati come: ammendante compostato misto, ammendante compostato verde, ammendante torboso (se aggiungiamo della torba), nocciolino.

 I risultati attesi dal Progetto TIRSAV Plus riguardano aspetti sia di carattere tecnico-gestionale che di carattere ambientale. Per quanto riguarda i primi, i risultati attesi prevedono la realizzazione di un impianto di compostaggio dei reflui che dimostri l’efficacia della metodologia proposta sia in termini di processo che di gestione. In particolare l’impianto CESCO deve essere applicabile in ogni contesto olivicolo europeo a prescindere dalla dimensione produttiva e del sistema ti trasformazione adottato dai frantoi, deve essere competitivo rispetto ad altri sistemi di smaltimento, deve poter produrre ammendanti di qualità e deve raggiungere degli obiettivi economici positivi. I principali benefici ambientali attesi dal progetto riguardano la riduzione dell’impatto ambientale del processo produttivo legato alla filiera olivicola.

 

 
golden goose - golden goose sneakers - scarpe golden goose - golden goose boots - golden goose shoes - golden shoes - golden goose sneaker - golden goose sale - golden goose uomo - golden goose donna